Da capo a piedi
Una cosmesi autenticamente naturale di qualità biologica

Che sia un trattamento da giorno per il viso o il Lip Liner della nostra linea Make-up, la Crema per i piedi e la Lozione per capelli o uno dei trattamento ad azione specifica Dr. Hauschka Med: ogni singolo prodotto Dr. Hauschka è cosmesi naturale al 100 %, sempre con il maggior numero di ingredienti provenienti da agricoltura bio-dinamica Demeter e da coltivazioni biologiche controllate. Per il Dr. Rudolf Hauschka, fondatore di WALA - la nostra azienda – questo era un requisito essenziale, assolutamente naturale. Già negli anni '60, quando diede inizio allo sviluppo e alla creazione della propria linea cosmetica insieme a Elisabeth Sigmund, esperta estetista e ricercatrice avanguardista in materia di ingredienti naturali, le formulazioni della nostra cosmesi erano composte da ingredienti naturali ed erano prive di siliconi e PEG, così come di conservanti, coloranti e profumazioni di sintesi.

 

Dunque una cosmesi naturale, ma non solo: anche e soprattutto una cosmesi in grado di sostenere la pelle al meglio nello svolgimento delle sue innate capacità di rigenerazione. Perché già a quel tempo, nient'altro poteva essere ammesso al fianco dei nostri rimedi medicinali WALA, che nello svolgimento della propria azione attingono dalle forze di guarigione che offre la natura.

Nel 1967, quando la Cosmesi Dr. Hauschka fu introdotta sul mercato, non esisteva ancora una certificazione dedicata alla cosmesi naturale. Ma è di assoluta importanza avere uno standard indipendente che attesti la qualità in modo oggettivo e trasparente. NATRUE è un'associazione internazionale, attiva dal 2007, che si occupa di fare questo. Il suo obiettivo è infatti quello di proteggere e promuovere la cosmesi naturale a livello mondiale. In qualità di membri fondatori di NATRUE, abbiamo collaborato alla definizione dei suoi elevati standard di qualità in materia di cosmesi naturale e biologica. Lo standard NATRUE valuta i prodotti sulla base degli ingredienti e dei processi di produzione e distingue fra cosmesi naturale, cosmesi naturale con una percentuale di ingredienti biologici del 70 % minimo (Questo livello sarà gradualmente eliminato da NATRUE entro il 2023) e cosmesi biologica, vale a dire una cosmesi naturale con una percentuale di ingredienti biologici del 95 % minimo. Una differenziazione percentuale di grande importanza. Perché ancora oggi, reperire tutte le materie prime per produrre una cosmesi veramente naturale di qualità biologica è impresa ardua. Per questa ragione, talvolta promuoviamo progetti di coltivazione di materie prime biologiche: per esempio l'olio essenziale di rosa, il burro di mango, l'olio di ricino e il burro di karité.

Da NATRUE facciamo certificare ogni singolo prodotto delle nostre oltre 160 referenze Dr. Hauschka (certificato). E il loro superare il controllo NATRUE è una sicurezza sia per voi che per noi. Sviluppiamo e produciamo una cosmesi naturale dal 1967 e lo facciamo per convinzione e responsabilità nei confronti della natura e per il benessere della persona. Perché cos’altro può essere più sostenibile e più efficace di una selezione di ingredienti naturali provenienti da agricoltura biologica controllata o da agricoltura bio-dinamica Demeter e dal commercio equo solidale?

 

 

Intervista a Sven Gehrig

del reparto Scientifico di WALA Heilmittel GmbH, sulla cosmesi naturale e biologica e sullo sviluppo della nuova linea Dr. Hauschka Make-up 

 

Signor Gehrig, lei e i suoi colleghi assicurate che i prodotti Dr. Hauschka soddisfino i più elevati standard di qualità ecologici e di fair trade e che possiedano tutti un’ottima tollerabilità cutanea. Che cosa fate esattamente per garantire questo?

Quando sviluppiamo un nuovo prodotto, il nostro team viene coinvolto già dall’inizio per testarne la composizione. Valutiamo ogni singola materia prima stabilendo se soddisfa i nostri standard di qualità e se c'è la sicurezza di una elevata tollerabilità.

Non è il reparto Sviluppo a stabilire quali ingredienti confluiranno nella formulazione cosmetica?

Naturalmente sì. La formulazione proviene dal reparto Sviluppo. Il nostro compito consiste nel verificare la tollerabilità e la conformità giuridica degli ingredienti. Ogni materia prima è corredata da numerose informazioni che provvediamo ad analizzare e valutare. Come ad esempio la purezza di ogni materia prima utilizzata o la qualità microbiologica. E controlliamo se gli ingredienti soddisfano i nostri elevati standard di qualità così come i criteri dell'associazione NATRUE in materia cosmesi naturale e bio.

Che cos'è esattamente NATRUE?

NATRUE è un label internazionale a garanzia di una cosmesi naturale e di qualità biologica. In negozio, aiuta le clienti e i clienti a riconoscere se un prodotto cosmetico è autenticamente naturale, perché la denominazione di "cosmesi naturale" in sé non viene realmente protetta dalla legge né definita in maniera precisa. Ma il label NATRUE possono riportarlo solo prodotti che soddisfano le sue rigorose direttive. I prodotti Dr. Hauschka possiedono questa certificazione.

Cosa dovete fare affinché i prodotti Dr. Hauschka ottengano la certificazione NATRUE?

Per poter utilizzare questo label riceviamo la visita di un ispettore indipendente. L'ispettore effettua un sopralluogo dell'azienda visionando tutti i reparti, la documentazione completa dei fornitori e anche le formulazioni dei prodotti. In questo modo può stabilire con precisione quali materie prime vengono elaborate in un determinato prodotto e gli esatti quantitativi. Questi audit avvengono una volta all'anno.

Qual è la differenza tra cosmesi e cosmesi naturale certificata? Precisamente, a cosa presta attenzione l'ispettore a tutela del label?

La cosmesi naturale rinuncia consapevolmente a determinati ingredienti impiegati nel segmento convenzionale. Come per esempio gli oli minerali, i parabeni, i siliconi e i PEG (polietilenglicole), ma anche le profumazioni, i coloranti e i conservanti sintetici. La cosmesi naturale, infatti, utilizza materie prime naturali, in prevalenza vegetali, provenienti possibilmente sempre da coltivazione biologica controllata. Inoltre, sosteniamo la visione e il principio tale per cui una cosmesi autenticamente naturale non debba contenere componenti derivate da organismi geneticamente modificati. NATRUE condivide questa visione e incarica l'ispettore di controllare accuratamente anche questo aspetto.

Ricevete una nuova formulazione dal reparto Sviluppo. L'iter come prosegue?

Desidero illustrarlo ricorrendo a un esempio attualissimo, la nostra nuova linea Dr. Hauschka Make-up. Le formulazioni sono giunte a noi dai nostri colleghi del reparto Sviluppo molti mesi prima del lancio sul mercato. Abbiamo controllato singolarmente i numerosi ingredienti per verificare se potessero essere impiegati all'interno dei prodotti cosmetici. Inoltre, abbiamo esaminato la qualità e la purezza delle materie prime.

Ciò significa che testate gli ingredienti in laboratorio, per esempio alla ricerca di pesticidi o tracce di metalli pesanti?

Sì, ad occuparsi di questa parte sono i nostri colleghi del laboratorio di analisi, che sottopongono al controllo di routine ogni materia prima destinata alla lavorazione. All'inizio della valutazione del prodotto lavoriamo sugli aspetti della qualità e della sicurezza parallelamente a loro e a naturamus la nostra società affiliata responsabile dell'approvvigionamento delle materie prime. La società verifica se le materie prime richieste, come le cere e gli oli vegetali, i pigmenti minerali o le piante officinali sono disponibili in qualità elevata, possibilmente biologica, e in quantità sufficienti. Nel reperirle, i criteri sociali ricoprono un ruolo fondamentale all’atto dell'acquisto.

 

Criteri sociali nell'acquisto delle materie prime? Può farci un esempio?

Sì. I prodotti della nuova linea Make-up contengono, per esempio, la mica. Questa materia prima minerale, un silicato di colore argenteo a struttura stratiforme, lo utilizziamo insieme ai coloranti minerali per ottenere le colorazioni. La mica viene estratta nelle cave. L'organizzazione umanitaria per l’infanzia Terres des Hommes stima che in India siano fino a 20.000 i bambini che lavorano all'estrazione dei minerali. Conoscendo il problema, abbiamo selezionato un fornitore che gestisce questa tematica responsabilmente.

Che impatto può avere in India il fornitore da cui acquistate la mica?

Il nostro fornitore tedesco, con il quale coltiviamo relazioni commerciali da lungo tempo, si adopera moltissimo per prevenire il lavoro minorile in India, il paese d'origine. Un esempio è l'aiuto che ha offerto nella costruzione di scuole a livello locale e nel migliorare l'assistenza medica. La sua azienda viene sottoposta a controlli periodici da parte di istituzioni indipendenti. Inoltre collabora con le ONG, quindi con Organizzazioni non governative, al fine di migliorare le condizioni di vita delle persone nella regione estrattiva. Potremmo sicuramente acquistare la mica a prezzi più vantaggiosi sul mercato mondiale, tuttavia per noi è importante che le condizioni alle quali questa materia prima viene estratta siano eque, giuste e dignitose. E per questo paghiamo volentieri un prezzo più alto.

Si ha quasi l'impressione che abbiate testato soltanto i singoli ingredienti che compongono i nuovi prodotti della nuova linea Make-up. Non testate il prodotto finito?

Naturalmente sì. Per esempio, controlliamo la buona tollerabilità e l'efficacia trattante dell'intera composizione. Tra l'altro ne commissioniamo i test a istituti indipendenti, da cui facciamo testare davvero ogni singolo prodotto, quindi ogni singola variante di colore di Lipstick, Eyeshadow o Kajal, o meglio, Eye Definer, come si chiamano adesso. Inoltre forniamo i necessari consigli di applicazione per il prodotto finito.

Ma vogliamo sperare che non facciate condurre test sugli animali?

No, naturalmente no! Per elaborare i preparati della Cosmesi Dr. Hauschka non vengono eseguiti test sugli animali, né da noi, né per nostro conto. Lavoriamo esclusivamente con persone volontarie. Abbiamo acquisito un grande patrimonio di conoscenza in termini di materie prime che utilizziamo da poter affermare per esperienza che si tratta di prodotti caratterizzati da un'ottima tollerabilità. Per questo possiamo coinvolgere i volontari con la coscienza assolutamente tranquilla.

Che cosa avete fatto testare, precisamente, nei prodotti della nuova linea Make-up?

Uno degli aspetti che abbiamo particolarmente a cuore è la tollerabilità cutanea, soprattutto dei molti prodotti Make-up dedicati agli occhi come il Mascara, l'Eyeliner o gli Eyeshadow; ma anche la tollerabilità a livello oftalmologico, soprattutto per coloro che portano le lenti a contatto. Durante i test dermatologici abbiamo anche sondato i soggetti sulla sensazione avvertita, per esempio in merito alla coprenza, alla piacevolezza cosmetica durante l’applicazione delle texture e alla tenuta di alcuni prodotti specifici come i Foundation e le Powder.

Come sappiamo, la carta si lascia scrivere. Avete anche testato se le promesse di efficacia formulate nelle descrizioni dei prodotti sono corrette?

Sì, per noi questo è un aspetto molto importante e definito a livello giuridico in modo molto chiaro. Per esempio, stabiliamo che il Foundation preservi il livello di idratazione della pelle. E quanto dichiarato è stato confermato durante i test dermatologici da tutti i soggetti volontari, che hanno anche segnalato, fra gli aspetti positivi, una piacevole sensazione di pelle curata. Le procedure di misurazione come il test corneometrico per stabilire l'umidità oculare, per esempio, sono in grado di integrare e confermare le affermazioni dei volontari. Inoltre, se il test rileva una buona idratazione cutanea mentre la volontaria riporta una sensazione di secchezza della pelle, è necessario apportare una correzione alla formula. Perché al centro c'è sempre la cliente con le sue esigenze.

 

Soziale Kriterien beim Rohstoffeinkauf? Haben Sie ein Beispiel?

Ja. Unsere neuen Make-up-Produkte enthalten zum Beispiel Glimmer. Diesen mineralischen Rohstoff, ein silbriges Schichtsilikat, verwenden wir gemeinsam mit mineralischen Farbstoffen zur Farbgebung. Glimmer wird in Steinbrüchen geschürft. Das Kinderhilfswerk Terre des Hommes schätzt, dass in Indien bis zu 20.000 Kinder bei der Mineralgewinnung mitarbeiten. Weil wir das Problem kennen, haben wir einen Lieferanten ausgewählt, der verantwortungsvoll mit dem Thema umgeht.

Was kann Ihr Lieferant, bei dem Sie Glimmer einkaufen, in Indien bewirken?

Unser deutscher Lieferant, mit dem wir eine langfristige Handelsbeziehung pflegen, tut sehr viel dafür, Kinderarbeit im Ursprungsland Indien zu verhindern. Zum Beispiel hat er dabei geholfen, Schulen vor Ort aufzubauen und die medizinische Versorgung zu verbessern. Sein Betrieb wird regelmäßig von unabhängigen Institutionen kontrolliert. Und er arbeitet mit NGOs zusammen, also Nichtregierungs-Organisationen, um die Lebensbedingungen der Menschen in der Schürfregion zu verbessern. Wir könnten Glimmer sicherlich günstiger auf dem Weltmarkt einkaufen. Aber dass die Bedingungen, unter denen dieser Rohstoff gewonnen wird, stimmen, ist uns wichtig. Dafür zahlen wir gerne einen höheren Preis.

Es entsteht gerade der Eindruck, als wenn Sie nur die einzelnen Inhaltsstoffe der neuen Make-up-Produkte getestet haben. Prüfen Sie nicht das fertige Produkt?

Doch, selbstverständlich. Wir prüfen zum Beispiel die gute Verträglichkeit und die pflegende Wirksamkeit der Gesamtkomposition. Wir geben dafür unter anderem Tests bei unabhängigen Instituten in Auftrag. Wir lassen dabei wirklich jedes einzelne Produkt testen, also jede einzelne Farbvariante von Lippenstiften, Eyeshadows oder Kajals, den Eye Definern, wie sie jetzt heißen. Zudem schlagen wir notwendige Anwendungshinweise für das fertige Produkt vor.

Sie lassen aber hoffentlich nicht an Tieren testen?

Nein, natürlich nicht. Für Präparate der Dr. Hauschka Kosmetik werden weder durch uns noch in unserem Auftrag Tierversuche durchgeführt. Wir arbeiten ausschließlich mit freiwilligen Probanden. Wir haben so viel Wissen über unsere Rohstoffe und können aus unserer Erfahrung sagen, dass die Produkte sehr gut verträglich sind. Deshalb können wir guten Gewissens Probanden einbinden.

Was genau haben Sie bei den Make-up-Produkten testen lassen?

Es ging uns vor allem um die Hautverträglichkeit und gerade bei den vielen Make-up-Produkten für den Augenbereich wie Mascara, Eyeliner oder Eyeshadows zusätzlich um Augen- und Kontaktlinsenverträglichkeit. In Anwendertests haben wir zudem die Probanden gefragt, wie sie zum Beispiel die Deckkraft, das Auftrageverhalten oder die Haltbarkeit einzelner Produkte wie der Foundations oder der Puder empfinden.

Papier ist bekanntlich geduldig. Haben Sie auch getestet, ob die Wirkversprechen in den Produktbeschreibungen stimmen?

Ja, das ist uns sogar sehr wichtig und rechtlich ganz klar vorgeschrieben. Wir schreiben zum Beispiel, dass die Foundation den Feuchtigkeitsgehalt der Haut bewahrt. Diese Aussage haben im Anwendertest alle Probanden bestätigt. Positiv vermerkten sie zudem das angenehm gepflegte Hautgefühl. Messverfahren, wie zum Beispiel der Corneometertest, der die Hautfeuchte bestimmt, können die Aussagen der Probanden ergänzen und bestätigen. Wenn der Test übrigens sagt, die Hautdurchfeuchtung ist gut und die Probandin sagt, die Haut fühlt sich trocken an, muss man etwas an der Rezeptur ändern. Da steht die Kundin mit ihrem Bedürfnis im Mittelpunkt.