Ricerca

Ricerca in armonia con la natura.

Dr. Hauschka ricerca, sperimenta, lavora su nuovi prodotti, continua ad evolversi insieme a giovani scienziate e scienziati di università selezionate. Come funziona questa reciproca ispirazione? Tre ricercatori, una conversazione sul lavoro di squadra, l'achillea e il fascino del nuovo.

A cosa sta lavorando ora, signor Bunse?

Marek Bunse: La nostra ricerca si concentra sugli ingredienti delle piante officinali. Spesso contengono sostanze che possiamo usare per esempio come tisana. Magari scopriamo che hanno proprietà idratanti. Allora possiamo usarli in un prodotto di cosmesi.

 

La conoscenza delle piante non è nota da secoli?

Bunse: Il nostro sforzo è quello di sostanziare scientificamente e integrare le antiche conoscenze con metodi moderni. Studiamo come ottenere un certo effetto e quali sostanze della pianta sono necessarie a tale scopo. Inoltre, le conoscenze e le ricette tradizionali devono soddisfare gli attuali standard di sicurezza. Un'azienda di cosmesi può produrre secondo le antiche ricette dei monaci ma deve dimostrare che il prodotto è efficace. Ciò è possibile solo con una ricerca in linea con i tempi e con le nuove attrezzature.

Peter Lorenz: Ogni ricerca produce conoscenze che ci aiutano a progredire. Prendiamo, ad esempio, l'antillide. Viene usata per la nostra cosmesi già da molti anni. Siamo stati in grado di trovare sostanze che hanno un effetto schiumogeno e proprietà antinfiammatorie. Può essere interessante per la cosmesi.

Lysanne Apel: Un altro esempio: il fulcro della mia tesi di dottorato è lo studio di una specie di achillea alpina. I suoi principi attivi e i suoi effetti sono ancora in gran parte inesplorati. Potremmo dimostrare che questa specie di achillea mostra un elevato effetto antimicrobico contro i batteri resistenti agli antibiotici così come contro i batteri che possono causare l'acne cutanea.

Le proprietà curative dell'achillea sono note fin dall'antichità e vengono già utilizzate nei medicinali WALA. Questa specie di achillea alpina potrebbe rappresentare un'alternativa ed essere utilizzata nei prodotti futuri.

Lorenz: È sempre un momento emozionante per noi quando si scoprono nuove sostanze naturali, ne restiamo sempre davvero affascinati. Ogni giorno impariamo cose nuove sulle piante, sulla natura e sulla loro chimica.

forschung-im-einklang-mit-natur

Come funziona la collaborazione di WALA con le università?

Lorenz: Due dei nostri colleghi si occupano dell'insegnamento agli studenti dell'Università di Hohenheim. Inoltre manteniamo stretti contatti con altre università, ad esempio quelle di Heidelberg e di Ratisbona, discutiamo i risultati scientifici e ci scambiamo opinioni in modo critico. Abbiamo chimici, biologi e chimici alimentari che fanno la loro tesi di dottorato nel nostro laboratorio, come Lysanne e Marek. Anche scienziati esterni ci chiedono se possiamo testare gli ingredienti di un estratto per il loro lavoro. Siamo convinti che questo scambio di conoscenze vada a beneficio dei nostri prodotti. D’altra parte, utilizziamo le grandi apparecchiature dell'Università di Hohenheim, facciamo misurare là i campioni o possiamo integrare una sostanza o un estratto di pianta in ulteriori ricerche.

Bunse: Il tutto si basa sul dare e avere. Per questo motivo rendiamo i nostri risultati liberamente accessibili pubblicandoli su Internet. In questo modo anche gli altri ne possono usufruire.

Apel: Naturalmente collaboriamo anche con altri reparti WALA. Soprattutto l'esperienza dei giardinieri riguardo la coltivazione di diverse specie di piante è molto preziosa per noi.

 

Come riuscite a coniugare ricerca e sostenibilità? È possibile?

Bunse: Lavoriamo con la natura, coltiviamo le piante nel nostro giardino in modo biodinamico, rinunciamo a pesticidi chimici e cerchiamo di lasciare più spazio possibile alla crescita spontanea. Abbiamo gli insetti come impollinatori. In questo modo otteniamo semi che i nostri giardinieri possono riutilizzare. Un circuito chiuso. Questa consapevolezza continua all'interno dell'azienda e in laboratorio. Cerchiamo di riciclare le sostanze chimiche che usiamo. Inoltre ci chiediamo come possiamo rendere più ecologici i cicli di riciclaggio in azienda.

 

E quanto del suo lavoro raggiunge davvero i clienti?

Bunse: Molto! I clienti ricevono un prodotto di prima qualità. Non solo in termini di ingredienti, ma anche rispetto ai metodi di coltivazione sostenibili e alla produzione accurata. Ogni prodotto racchiude approfondite conoscenze. Ogni prodotto corrisponde allo stato più evoluto della ricerca. Sapere di avervi contribuito ci rende davvero orgogliosi.

 

Lysanne Apel è una biologa impiegata presso WALA e dottoranda dell'Università di Hohenheim. Nel laboratorio WALA ha svolto ricerche per la sua tesi di laurea sulla caratterizzazione fitochimica della Primula veris, la primula odorosa. Attualmente sta studiando i componenti di una specie di achillea alpina.

Peter Lorenz ha un dottorato in chimica organica e fa ricerca di base e sulle piante. Lavora per WALA sin dalla creazione del settore di ricerca sui componenti vegetali nel 2006 e ha studiato, tra l'altro, i componenti dell'antillide e della mercorella.

Marek Bunse è un biologo impiegato presso WALA e dottorando all'Università di Hohenheim. Una visita universitaria lo ha portato per la prima volta nei laboratori di WALA. Attualmente sta facendo ricerche sulla radice del garofano.